Advertising

Il trend degli investimenti pubblicitari a giugno

Frenata del mercato degli investimenti pubblicitari a giugno con la tv che perde il 24,8% nel confronto con lo stesso mese del 2021, che però aveva avuto il grosso traino degli Europei di calcio.

Il mercato degli investimenti pubblicitari a giugno in Italia chiude il mese a -7.9%, portando la raccolta pubblicitaria del 1° semestre del 2022 a 0.1%. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gen./giu. 2022 risulta in negativo del 2.8%.

«Chiudiamo il semestre in sostanziale parità – dichiara Alberto Dal Sasso Adintel Mediterranean Cluster Leader di Nielsen – con un giugno che decrementa perchè si confronta con il periodo degli europei di calcio 2021, che mediamente apportano intorno ai 75 milioni di euro di investimenti soprattutto televisivi. Confrontando il valore raggiunto dal mercato in questa prima metà dell’anno con la media degli anni privi di eventi siamo assolutamente in linea con il trend di lungo periodo».

Pubblicità in calo del 7,9% a giugno, il semestre si chiude in pari. I dati Nielsen

Relativamente ai singoli mezzi, la tv è in calo del 24.8% a giugno e del 7.4% nel periodo gen./giu.2022. Analizzando l’andamento della raccolta nel mese di giugno, Rai registra -51% passando da 95,5 milioni di euro di giugno 2021, in pieno periodo di Europei di calcio, a 46,8. Anche Sky vede la raccolta diminuire, del 42%, toccando nel mese 33,9 milioni.  Con un minore impatto, ma ugualmente significative, le performance degli altri gruppi: Mediaset -7,2%, La7 -6,7%, Discovery -4,9%.

Per quanto riguarda il confronto del primo semestre sull’omologo 2021 vediamo Mediaset, che detiene una quota di mercato del 56,8% e 1,034 miliardi di euro di raccolta, registrare un -1,4%,  Rai con una quota del 20,3%, segna una raccolta di 369,6 milioni (-15%) e Sky con una quota di mercato dell’11%, flettere del 23,9% con una raccolta di 200,9 milioni. In crescita Discovery, +2,5% a 130,8 milioni (con una quota del 7,2%), flette La7 -7,2% con una raccolta di 84,4 milioni e un quota del 4,6%.

Tornano in negativo i Quotidiani, a giugno sono in calo del 10.5% (il semestre chiude a -1.1%), mentre i Periodici crescono del 22.1% (il semestre chiude a +0.9%).

Cresce la Radio a giugno, +3% (il semestre chiude 3.4%). Sulla base delle stime re8alizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel periodo gen./giu.2022 chiude con un +4.6% (+0.2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet). Continua la ripresa dell’Out of home (Transit e Outdoor) che conferma l’andamento positivo con un +96.7% nel periodo gen./giu.2022.

In positivo anche la Go TV che chiude il periodo gen./giu.2022 a +58.6% e il Direct mail +1.2%.

Continua la ripresa degli investimenti pubblicitari sul mezzo Cinema.

Sono 8 i settori merceologici in crescita nel mese di giugno, il contributo maggiore è portato da Industria/Edilizia/attività (+26.5%), Turismo/Viaggi (+4.5%), Abbigliamento (41.3%), e Abitazione (+27.8%). In calo a giugno gli investimenti di Automobili (-50.4%), Bevande (- 28.4%) e Telecomunicazioni (-27.9%). Relativamente ai comparti con una maggiore quota di mercato, si evidenzia, nel 1° semestre del 2022, l’andamento positivo di Cura persona (+10.8%), Abitazione (+6.2%) e Media/Editoria (+10.5%).

«La frenata di giugno ha due spiegazioni, l’una legata agli eventi, l’altra sicuramente legata alla crisi Ucraina i cui effetti concreti sulla economia delle imprese comincia a farsi sentire: la difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime e la conseguente inflazione che scarica i suoi effetti sui prezzi e quindi sui consumi, influisce soprattutto sui settori come Automotive e Alimentare. Di contro vediamo settori legati alla “natura” del nostro Paese come il Turismo, l’Abbigliamento ed il Tempo libero, in grande recupero. Ci aspetta un autunno complicato ed il recente World Economic Outlook di FMI lo testimonia, in ogni caso abbiamo un evento importante in autunno come i Mondiali di Calcio che sicuramente sarà una buona occasione di comunicazione per gli investitori e per il mercato, lo testimoniano i numeri del recente passato»

Dal Sasso

La crescita esponenziale degli SMS ADV, ancora poco conosciuti

Ideali per promuovere prodotti, servizi e trovare nuovi clienti, gli SMS ADV stanno conquistando i favori di un numero sempre crescente di realtà.

Rilevanza contestuale: la ricerca Ad Context & Attention

Quello che emerge dagli ultimi dati della ricerca Ad Context & Attention realizzata da IAS, è l’impatto contestualmente rilevante sull’attenzione e sui risultati pubblicitari.

Influencer Marketing: +69% di trasparenza commerciale

A seguito del ruolo sempre più centrale delle piattaforme social, creator e influencer svolgono un ruolo sempre più impattante nel consigliare ed indirizzare le scelte di acquisto dei propri follower. E’ per questo motivo che all’interno dell’influencer marketing viene inevitabilmente, riposta sempre più attenzione alla strategia di vendita e alla trasparenza.

L’evoluzione del media planning

Stefano Spadini (CEO Havas) racconta come il mercato dei media è drasticamente cambiato negli ultimi 20 anni. Spiega poi quali sono i trend di mercato del 2021, i nuovi strumenti della pianificazione pubblicitaria e quali sono i punti di forza di una realtà internazionale come Havas Media.

Marketing e media, trend e novità del 2021

Andrea Fabrizio di Wavemaker racconta come riuscire a mantenere e consolidare i rappporti con i clienti, in un anno caratterizzato dalla pandemia che ha ridotto i budget di tutte le varie industries. Spiega inoltre come Google ha rivoluzionato l’utilizzo di cookies di terze parti, che inevitabilmente danneggerà l’industria dell’advertising.

Marketing e pandemia, comunicare ai tempi del Covid 19

Francesco Di Norcia (Performedia) racconta come la pandemia ha impattato sul mondo dell’advertising, come Performedia ha seguito i propri clienti in un momento di estrema incertezza. Spiega inoltre come la tecnologia aiuti particolarmente nella raccolta di dati, fondamentali per la pianificazione a lungo termine.

Iscriviti alla newsletter