La Gran Bretagna vieta gli smartphone nelle scuole

Per migliorare la disciplina e ridurre le distrazioni nelle aule dovute soprattutto all’uso dei social media, la Gran Bretagna ha deciso di vietare l’uso degli smartphone nelle scuole.

Divieto di portare lo smartphone nelle scuole inglesi

Questa misura si estenderà anche agli intervalli e ai pasti, mentre agli insegnanti sarà conferito il potere di perquisire le borse degli studenti alla ricerca di dispositivi proibiti. Coloro che violeranno la regola saranno soggetti a punizioni disciplinari e alla confisca dei dispositivi.

Le scuole avranno quattro opzioni per implementare il divieto. La più severa prevede di lasciare gli smartphone a casa, seguita dalla consegna degli stessi al personale scolastico all’ingresso, oppure dall’archiviazione in armadietti.

L’opzione meno restrittiva consente agli studenti di tenere i propri dispositivi con sé, purché rimangano spenti e nascosti nei loro zaini.

La situazione in Italia

In Italia, nel frattempo, è stata presentata una proposta di legge per limitare l’uso degli smartphone tra i bambini.

Il Movimento 5 Stelle si propone di limitare o addirittura vietare l’uso di smartphone e tablet tra i bambini e gli adolescenti, al fine di contrastare i crescenti disturbi mentali e comportamentali legati all’uso eccessivo di dispositivi elettronici.

Il deputato regionale Carlo Gilistro, pediatra di professione, è il primo firmatario del disegno di legge, che al momento si applica ai bambini sotto i 3 anni, mentre per gli altri limita il tempo di utilizzo dei dispositivi elettronici.

Leggi anche...
Le Fonti TV – Marketing
I più recenti
Nasce Sbam, l’agenzia creativa di Jakala basata sulla “radical simplicity”
Quanto investire nel digital marketing? Guida per start up e aziende
Nuova partnership Sky e Warner Bros. Discovery in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024
Alphabet sonda HubSpot con un’offerta potenziale di 35 miliardi di dollari

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito marketing.